Look inside

Il Male Risorge – La saga dei Primi Maghi
Book in writing

Il Male Risorge

Il Male Risorge è il primo libro della saga dei Primi Maghi. È un libro low fantasy. Non ci sono le classiche razze delle mitologie nordiche, come Elfi, Nani, Hobbit. Non ci sono nemmeno i classici del fantasy che apprezziamo ora, come lupi mannari o vampiri.

In questa saga esiste solo la magia.

La storia comincia ai giorni nostri, con una serie di morti inspiegabili. Le nostre due maghe Asisi, Mary e Guillermina scopriranno presto la verità e cioè che sono tutti omicidi magici.

Malum sol dilucescit.

Non sono solo favole e leggendei

Il titolo è provvisorio, è solo per identificare questo libro. Se verrà pubblicato da una casa editrice, questa, molto probabilmente, ne sceglierà un altro.

La copertina è provvisoria, è solo per identificare questo libro. Se verrà pubblicato da una casa editrice, questa, molto probabilmente, ne sceglierà un’altra.

Il libro comincia ai giorni nostri.

Gli Asisi, il mondo magico, vive nascosto in piena luce in mezzo agli umani. Il centro politico è a Parigi, e le sotto trame si dipanano in giro per il mondo.

Il libro si apre negli Stati Uniti, per poi spostarsi a Parigi, Londra, Milano. I personaggi provengono da tutte le parti mondo, oltre a quelli già citato, abbiamo Russi, Indiani, Kenyani, Groenlandesi e altri ancora che si aggiungeranno.

I POV sono tre:

  • Mary Browne, giovane e capace Asisi e agente speciale dell’FBI.
  • Yanaba, la presidente delle Congreghe, maga anziana, potente e rispettata. È nativa americana, Navajo
  • Rachele e Judy Santos, la prima figlia di Amel la seconda nipote di Amel. Judy ha sempre vissuto con Amel e Rachele e per Amel è una seconda figlia e tra Rachele e Judy c’è un rapporto da sorelle.

Il libro è scritto in prima persona, la storia la vediamo tramite gli occhi dei tre POV.

Il mondo magico è sconvolto da una serie di morti inspiegabili di maghi e maghe, era da almeno un secolo e mezzo che non c’erano morti violente nel mondo dell’Homo Asisiensis.

A Mary e alla sua collega Guillermina, anche lei Asisi, viene assegnato l’incarico di scoprire cosa sta succedendo dal Consiglio delle Congregazioni.

Subito capiscono che sono tutti omicidi la cui arma è la magia, ma un incantesimo sconosciuto, qualcosa di inspiegabile. Si trovano di fronte a un duplice problema:

  • trovare una spiegazione plausibile per gli umani, non possono dire all’FBI che sono frutto della magia
  • scoprire l’incantesimo utilizzato e chi è in grado di eseguirlo

La grande cultura di Mary in materie storiche e in storie e leggende della magia, la porta a trovare una soluzione che, pur essendo poco plausibile perché legata a una vecchia leggenda, pare l’unica in grado di spiegare il tutto: I Primi Maghi non sono una favola, Amel e Zizif esistono veramente.

Comincia quindi il percorso di risveglio della comunità Asisi, la presa di coscienza che il Male, Zizif, esiste e che esiste anche Amel, il bene.

Quello che raccontano le leggende è tutto vero?

Amel non è come se lo aspettano.

Affiorano le divisioni all’interno del mondo magico, Yanaba metterà in gioco tutta la sua esperienza politica e tutta la sua autorevolezza per salvare l’unità degli Asisi.

Assassini, tradimenti, delusione, morte, scoperta, conoscenza, duelli, amore, tutto questo ci accompagnerà durante tutto il libro.