Perché un libro fantasy

L’amica Robin l’altro giorno mi ha ha fatto questa domanda: perché un libro fantasy?

La domanda è interessante e quindi mi pare cosa buona e giusta, veramente buona e giusta, da dedicarci un post.

Parlando con le GENTY, spesso e volentieri, il fantasy è considerato un genere letterario per bambini. Chiaro che non hanno mai letto nulla dei classici.

Negli ultimi 20 anni il fantasy ha ottenuto grande successo anche al cinema, Harry Potter e Il signore degli anelli ne sono due esempi, ma ha avuto anche un enorme successo lo young adult, una su tutte, la saga di Twilight.

Nell’accezione comune delle GENTY, il fantasy è vampiri, lupi mannari, orchi, streghe, maghi & c. Ergo, per bambini o, al massimo, se c’è un po’ di sesso tra teenager, young adult.

Ordunque, io non sono più young adult da quel dì, almeno anagraficamente e non amo le etichette.

So che vi farà ridere o vi farà pensare a qualche plagio, ma io la storia che sto scrivendo me la sono sognata. Sì, lo so, avete già sentito grandi autori che raccontano di essersi sognati le loro storie. Fate +1 e bella lì.

Nella mia storia non ci sono vampiri, fate, lupi mannari, o altro, ci sono solo maghi e maghe. Streghe è la designazione spregiativa che gli umani hanno riservato alle maghe del mio mondo. Mondo che è anche il vostro, se vogliamo fare i precisini.

Ho eliminato tutte le basi del fantasy tradizionale, non c’è neppure un accenno a Merlino. Incredibile, vero?

Esistono solo umani e maghi e, per amor di precisione:

  • I Primi Maghi: sono due e solo due, Amel e Zizif, sorella e fratello. Immortali. Inutile specificare che sono maghi.
  • Gli ameliani: i discendenti di Amel. Sono maghi.
  • Gli Asisi, l’evoluzione degli Homo Sapiens, gli Homo Asisiensis o, appunto, asisi: sono maghi.
  • Gli umani, gli Homo Sapiens: NON sono maghi.

I maghi vivono nascosti agli umani, in bella evidenza. Possono essere avvocati, agenti speciali dell’FBI, prestinè, o anche fancazzisti. No, commercialisti no, quelli non hanno un’anima.

E qui mi fermo, il rischio spoiler sta aumentando esponenzialmente.

PS: anche se non amo le etichette, la mia saga dovrebbe rientrare nell’urban fantasy e pure nel fantasy contemporaneo.

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience. Cookie policy