Cosa succederebbe se in un mondo dove i maghi convivono con gli umani, nascosti in bella vista, la vecchia leggenda dell’eterna lotta tra bene e male si dimostrasse vera?

Questa è la domanda che mi sono posto quando ho cominciato a scrivere il mio libro.

Nel mondo degli Asisi (il mondo magico) c’è una vecchia leggenda e come tutte le favole, ha molte versioni.

Prima che gli uomini e gli asisi camminassero sulla terra c’erano Amel e Zizif, sorella e fratello. Vissero per millenni da soli padroneggiando la magia.

Quando incontrarono i primi Homo decisero di aiutarli, insegnarono loro a gestire la natura; per esempio ad accendere il fuoco. La magia del fuoco divenne conoscenza.

Erano immortali.

Un bel giorno Amel si innamorò di un umano.

Vissero felici e contenti e dal loro amore nacquero due figli, un maschietto e una femminuccia.

Qui successe il disastro, Amel dopo molti anni morì. Pagò così il suo pegno all’amore.

Il fratello, Zizif, diede di matto e accusò i suoi nipoti e gli umani di essere la causa della morte dell’amata sorella; cominciò così l’eterna lotta del bene contro il male, con lui che vuole uccidere tutti e gli altri che provano a salvare la pellaccia.

Però Amel è immortale.

Ma è morta, cazzo dici?!?!?!?

Le strade dell’immortalità sono infinite.

La figlia primogenita di Amel scoprì di essere diventata sua madre, ha tutti i ricordi e tutti i poteri di lei, quindi, l’immortalità di Amel è cambiata per non cambiare. (In caso contrario come cazzo avrei scritto il libro?!)

Combattono, e sconfiggono il male. Lo rinchiudono in una prigione fuori dal tempo e dallo spazio.

Quindi, Amel rappresenta il bene e suo fratello Zizif il male.

Bene, fin qui siete arrivati, e gli asisi?

Amel e suo figlio/fratello, girovagarono per il globo terràcqueo e scoprirono, nella città di Asisi, una nuova specie di Homo, umani che hanno poteri magici, da cui Homo Asisiensis e, in breve, Asisi. Decisero quindi di educarli alla magia.

Amel e Zizif divennero i primi maghi, i discendenti di Amel gli ameliani, gli umani maghi gli asisi e gli umani sfigati senza magia, gli umani. Semplice, no?

Amel creò l’antica legge, per regolare i rapporti tra Primi Maghi e Asisi.

Orbene, tutto filava liscio, ma non avevano fatto i conti con l’oste: Zizif si liberò dalla sua prigione e potete immaginare quanto fosse incazzoso. Scoprì pure che ora esistevano gli asisi e, come tutti i cattivi che si rispettino, riuscì a convincere molti di loro a unirsi a lui nella guerra contro i buoni, promettendo un mondo di potere per i maghi. Ovviamente, mentiva, voleva solo carne da macello. Comunque ha preso gli schiaffoni un’altra volta e lo hanno imprigionato. Ancora!

Che vi devo dire, ora sanno che Zizif non può essere imprigionato per sempre e, naturalmente, non può essere ucciso. Immortale, remember?

La vita di Amel si trasformò in addestramento alla lotta, in previsione del ritorno del fratello, e alla riproduzione, per garantirsi l’immortalità.

Decise pure di istruire alla guerra i suoi discendenti e gli asisi a lei fedeli, tutti quelli rimasti, perché gli infedeli li aveva sterminati.

Come potete immaginare, Zizif si è liberato altre volte con le solite conseguenze, morte e distruzione.

L’ultima volta è capitato nel 900/1000 d.c., ma gli annali non è che siano proprio chiari. Di fatto, l’ultima volta, Amel ha creato un casino, ha quasi estinto l’umanità e gli asisi e quindi, dopo la vittoria, decise di sparire per sempre. Cioè, non proprio per sempre, fino a che suo fratello non sarebbe tornato ancora.

Ecco, ora conoscete la leggenda dell’eterna lotta del bene contro il male. (Tranqui, raga, nessuno spoiler, viene raccontata nelle prime pagine del libro).

Ora arriviamo ai tempi nostri. Gli asisi raccontano questa favoletta ai figli, per insegnare cos’è il bene e cos’è il male.

Purtroppo, come per Babbo Natale, quando crescono non ci credono più.

Nascono così i peggiori disastri, non credendo alle leggende.

Il più bel trucco del Diavolo sta nel convincerci che non esiste. (Charles Baudelaire)

Quindi, tornando alla domanda: cosa succederebbe se in un mondo dove i maghi convivono con gli umani, nascosti in bella vista, la vecchia leggenda dell’eterna lotta tra bene e male si dimostrasse vera?

Potrete scoprirlo quando il libro sarà disponibile, oppure potrete dirmi voi come vi sentireste.

L’immagine è di Sofyan Syarief – gambaryance.deviantart – artstation.com/artist/gambaryance – behance.net/gueyance – instagram.com/sofyan.syarief – https://www.artstation.com/artwork/8ordn, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=57853980

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.